L’evento rivelazione della stagione musicale Terre di Scansano Classica Festival chiude così come aveva aperto: grande musica e grande successo di pubblico.

concerto-sasseta-alta-25-agosto-2012-scansano

Con il concerto dell’Orchestra di Chitarre Manuel De Falla si è chiusa la prima edizione di Terre di Scansano Classica Festival. Non s’era mai visto prima d’ora il Teatro Castagnoli traboccante di pubblico come nell’occasione dell’ultimo concerto. Decine di spettatori provenienti anche da comuni lontani e tanti turisti, molti dei quali stranieri, hanno dovuto rinunciare all’entrata poiché tutto esaurito. La serata sancisce il meritato successo di una iniziativa destinata a durare negli anni, tributato dal pubblico più esigente in materia musicale così come dal grande pubblico. Il programma musicale del Festival, infatti, ha offerto una vasta scelta di concerti, iniziati con le anteprime del giugno scorso e che hanno visto la Polifonia Vocale, l’Orchestra Sinfonica, il Concerto per Violino e Orchestra, l’Ensemble Barocco, il Quintetto d’Archi, la Musica da Camera con il Violoncello, Violino e Pianoforte, il Sestetto con il Fagotto solista, i migliori allievi degli Istituti Musicali della Provincia, il recital Pianistico, e per finire L’Orchestra di Chitarre Manuel De Falla che ha proposto un programma coinvolgente che ha indotto gli spettatori alla riflessione ma anche al coinvolgimento partecipativo. Cinque bis e alcuni fuori programma hanno reso la serata entusiasmante. L’iniziativa organizzata da EuroMusic & Communication diretta da Ugo Vittorio Cadelo è patrocinata dal Comune di Scansano, dalla Provincia e dalla Regione Toscana.

Terre di Scansano Classica Festival, dunque, entra a far parte di diritto tra i Festival importanti della Maremma, e tra gli eventi musicali di qualità della Regione. L’adesione dell’Accademia Chigiana, dell’Accademia Solti Te Kanawa e dei grandi nomi che fanno parte del Comitato d’Onore come Lady Valerie Solti, Luis Bacalov e Robin Harry Stapleton, sono un marchio di garanzia dell’alto livello dell’iniziativa.

Oltre tremila gli spettatori che complessivamente hanno assistito ai concerti nei posti più belli e suggestivi della Maremma: il rinomato Teatro Castagnoli, l’antica Chiesa di S. Biagio di Montorgiali, il Teatro sull’Acqua di Sasseta Alta, il Sito Etrusco di Ghiaccio Forte.

“E’ stato un esordio importante e vincente” dichiara soddisfatto il direttore artistico Antonio Bonfilio “la notevole partecipazione di pubblico ai nostri concerti sancisce il successo dell’iniziativa e ci incoraggia a osare ancora maggiormente nelle prossime edizioni”.

“Uno dei nostri prossimi obiettivi” continua Bonfilio “è il riconoscimento del Festival da parte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in virtù anche della collaborazione con la prestigiosa Accademia Chigiana concretizzatasi con i due grandi concerti degli Allievi e dei Maestri Chigiani in teatro, ma gli sforzi di tutti si dovranno concentrare per allestire un programma ancora più ricco e più ampio. Penso all’Opera, su cui stiamo già lavorando in merito alla scelta del luogo, Piazza della Botte si presta molto, e della struttura, ma penso anche alla Musica Antica, a quel periodo musicale che va dal Medio Evo al Rinascimento, quasi mai proposto nella provincia, ma richiesto da molti appassionati”.

Dunque Terre di Scansano non è ancora terminato che è già proiettato all’anno prossimo, “Certamente! Occorrono decisione, tempestività e competenza nell’organizzazione di eventi musicali importanti, specialmente ora che il tracciato è segnato e la strada battuta”.

Il territorio di Scansano che ha prodotto questo evento e tutta la Maremma che ne beneficia danno agli amanti della musica classica provenienti dalla nostra regione e da tutto il mondo, l’appuntamento alla seconda edizione 2013, a partire da maggio prossimo.

Da: Corriere di Maremma 7 Settembre 2012