Terre di Scansano Classica Festival per la IV edizione muta il nome in Terre di Maremma Classica Jazz Festival

terre-di-maremma-classica-jazz-festival-2015-concerto-copertina

Euromusic & Communication organizza e produce “Terre di Maremma Classica-Jazz Festival 2015″, giunto alla IV edizione dopo aver mutato il nome dall’originario “Terre di Scansano Classica Festival“.

Quest’anno infatti il Festival di espande non solo come territorio ma anche come linguaggi musicali aprendo le porte al mondo del jazz; non a caso la scoppiettante chiusura del cartellone è affidata alla Sunrise Jazz Orchestra con un concerto che traghetterà il pubblico verso la prossima edizione, dove il jazz avrà una maggiore presenza.

Il cartellone, incentrato su 6 concerti, è stato improntato sulle note della qualità e della varietà. Tutto è estremamente multiforme.

Dalle formazioni – dai solisti fino ai sestetti, agli strumenti (pianoforte, violoncello, violino, flauto, clarinetto, voci, sax, ecc.) al repertorio che vede oltre ai nomi dei grandi della musica classica, compositori più ai margini come Ligeti e Piazzolla, ai contemporanei come il M° Marcello Appignani che presenterà il suo lavoro per pianoforte solo “Metamorphoses XXI”.

Anche la proposta musicale è estremamente varia e passa attraverso secoli di storia partendo dalle poco conosciute ma affascinanti composizioni degli inglesi Byrd, Tallis e dei più grandi compositori del ’500 eseguiti dall’Ensemble vocale Blossomed Voice passando per le pietre miliari della grande musica come Richard Strauss e Franz Schubert per il duo dei maestri Pes / Andri o Beethoven e Chopin per il giovanissimo Damiano Paci ma senza trascurare i gradi russi del novecento come Shostakovich e Rachmaninov eseguiti da due formazioni in trio del M° Diego Benocci, per non parlare infine delle contaminazioni classiche/leggere con brani “classicizzati” di John Lennon, Paul McCartney e James Taylor e del nostro Pino Daniele, in ricodo della sua recente scomparsa, in un omaggio reso dai Par Hasard Ensamble con arrangiamenti curati dal M° Giuseppe Carpano.